stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il femminicidio di Lentini, arrestato il marito: per la Procura ha sgozzato Naima
SVOLTA

Il femminicidio di Lentini, arrestato il marito: per la Procura ha sgozzato Naima

Siracusa, Cronaca
Massimo Cannone intervistato a Ore 14 di Raidue

Massimo Cannone, il marito coetaneo di Naima Zahir, la 45enne originaria del Marocco uccisa tre giorni fa nella loro abitazione di Lentini, è stato fermato dalla polizia. Nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento della Procura di Siracusa per omicidio volontario ipotizzando il pericolo di fuga. La donna è morta per una coltellata al collo. L’uomo ha sostenuto di averla trovata sul letto di casa, di avere estratto l’arma per cercare di rianimarla, avere pulito il sangue per terra perché il «cervello mi è andato in tilt» e ipotizzato che la moglie «abbia fatto tutto da sola». L’autopsia, che la Procura ha voluto anticipare a questa sera essendo stata inizialmente fissata per domani, ha invece confermato che la donna è stata uccisa. Dall’esame autoptico, eseguito dal medico legale Giuseppe Ragazzi sarebbe stata pugnalata alla gola con un grosso coltello da cucina.

Gli inquirenti avevano sospettato subito del tappezziere. Le attenzioni si erano appuntate su di lui dopo la prima chiamata per avvertire la polizia, dove raccontava che la moglie era a terra priva di vita. Secondo la prima ispezione cadaverica del medico legale Ragazzi, era già emerso chiaramente come era morta Naima. Gli agenti del commissariato di Lentini, diretti dal dirigente Andrea Monaco, avevano trovato un grosso coltello da cucina che è risultata essere l’arma del delitto.

La casa è stata ispezionata con dovizia per cercare particolari utili per le indagini. Sono stati sentiti anche il figlio diciannovenne della coppia, che non era in casa al momento del delitto, gli amici e i vicini di casa per capire se la vittima e il marito litigassero spesso o vi fossero contrasti. I vicini, secondo indiscrezioni, hanno descrittp una famiglia "tranquilla“ dicendo che dalla casa non c’erano stati segnali di grosse liti. Una vicina di casa avrebbe raccontato che dopo aver sentito un urlo terrificante, avrebbe visto il marito uscire fuori dalla casa. Poco dopo sarebbero arrivati gli agenti di polizia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X