stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Siracusa, sequestrate 70 tonnellate di pellet con marchio contraffatto e 500 bombole Gpl
GUARDIA DI FINANZA

Siracusa, sequestrate 70 tonnellate di pellet con marchio contraffatto e 500 bombole Gpl

Circa 70 tonnellate di pellet riportante marchi contraffatti e circa 500 bombole di Gpl risultate prive dei requisiti di sicurezza, sono state sequestrate dalla guardia di finanza in provincia di Siracusa.

Il sequestro di pellet nasce da un monitoraggio effettuato dal Nucleo Speciale Beni e Servizi della Guardia di Finanza di Roma sulle diverse piattaforme di vendita on line di biocombustibile riportante marchi di certificazione “ENplus” e “SGS Italia”.

Le attenzioni degli investigatori si sono concentrate anche su un’impresa di Floridia operante nel settore della produzione e distribuzione del biocombustibile: i finanzieri hanno sequestrato circa 70 tonnellate di pellet riportante indebitamente i marchi di certificazione “ENplus” e “SGS Italia”.

Oltre all’ingente quantitativo di pellet, in parte già confezionato in sacchi da 15 chili, i militari hanno sequestrato l’intera linea di produzione al fine di tutelare i consumatori che sarebbero stati indotti in errore sull’acquisto di prodotti di comprovata qualità.

Il titolare dell’azienda è stato deferito alla locale Autorità Giudiziaria per i reati di commercio di prodotti con marchio contraffatto, vendita di prodotti industriali con segni mendaci e frode nell’esercizio del commercio.

Nel corso di altri controlli, i militari hanno sequestrato circa 500 bombole di G.P.L. per uso domestico. Dopo un’attenta ricognizione dei luoghi, i finanzieri perquisito due attività commerciali nel comune aretuseo, trovando e sequestrando circa 4 mila chili di G.P.L., stoccati in recipienti di diverso formato. I titolari erano in possesso di un’autorizzazione scaduta e non rinnovata o di un’autorizzazione per la detenzione di quantitativi molto limitati, proprio in virtù degli stringenti requisiti di sicurezza relativi all’area urbana.

I due siracusani sono stati deferiti alla locale Autorità Giudiziaria per la violazione alle normative vigenti in materia di sicurezza dei prodotti energetici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X