stampa
Dimensione testo
REGIONE

Salute e inquinamento: dalla Regione 4 milioni per Biancavilla, Gela, Milazzo e Priolo

Lo rende noto il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, spiegando che «le Asp delle rispettive province avranno a disposizione a partire da quest'anno, un milione di euro ciascuna per ogni anno, per l'implementazione di interventi sanitari finalizzati alla cura e alla prevenzione delle malattie da inquinamento ambientale»

PALERMO. «La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Salute, Lucia Borsellino, in applicazione dell'articolo 5 legge 5/2009 ha approvato un piano di intervento su Biancavilla, Gela, Milazzo e Priolo». Lo rende noto il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, spiegando che «le Asp delle rispettive province avranno a disposizione a partire da quest'anno, un milione di euro ciascuna per ogni anno, per l'implementazione di interventi sanitari finalizzati alla cura e alla prevenzione delle malattie da inquinamento ambientale».  Raggianti l'Assessore, il Governatore e l'intera giunta, fanno sapere ambienti della Presidenza della Regione, «per un provvedimento che finalmente dá attuazione a un diritto previsto da anni nella legislazione regionale, ma mai applicato nonostante i vari rapporti sanitari - anche di rilievo internazionale - che hanno denunciato  i rischi in quei territori di neoplasie e malformazioni genetiche». «Scriviamo - afferma il presidente Crocetta - una pagina nuova della storia della Sicilia che insieme ai processi di riconversione industriale verso l'economia verde, mette in campo un'attività forte di prevenzione, per evitare che i cittadini sottoposti per anni all'inquinamento industriale possano ammalarsi».

«La politica che noi vogliamo - aggiunge Crocetta - è quella di uno sviluppo ecosostenibile della Sicilia, dove le industrie di veleni si trasformino in impianti non inquinanti compatibili con agricoltura, pesca, attività marinare, turismo e beni culturali. Dentro questo quadro è fondamentale garantire il diritto alla salute di tutti i cittadini, che in quelle zone è spesso stato compromesso».  «In questo modo - commenta l'assessore Borsellino - massimizziamo gli interventi di prevenzione primaria, consentendo una diagnosi  precoce a partire dagli screening prenatali. La deliberazione di implementazione del piano straordinario è avvenuta sulla base della rielaborazione da parte dell'assessorato, di una proposta pervenuta dal direttore dell'Asp di Caltanissetta, Iacono e oggetto di una risoluzione della sesta commissione legislativa all'Ars. Diamo una risposta efficace, moderna, ai problemi dei territori».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X