stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Commercio, Siracusa la città col centro storico più vitale
LA CLASSIFICA

Commercio, Siracusa la città col centro storico più vitale

centro storico, commercio, negozi, Siracusa, Economia
Siracusa

Siracusa è la città italiana con il centro storico più vitale, mentre L'Aquila è quella a maggiore "rischio di declino commerciale", dopo il terremoto.

Sono queste due città gli estremi della classifica di Confcommercio che tiene conto del numero di negozi (+24,2% tra il 2008 e il 2018 a Siracusa, -42,9% all'Aquila), delle attività ambulanti (+23,1% nel primo caso, -38% nel secondo) e turistiche, che sono raddoppiate nella città siciliana (+98,3%), diminuite del 20,1% in quella abruzzese ma anche l'andamento della popolazione e dei canoni di locazione commerciale.

Ai primi posti nella classifica dei centri più vitali, dopo Siracusa, ci sono Pisa, Matera, Grosseto, Lucca, Latina e Avellino. In fondo alla lista, subito prima dell'Aquila si trovano Gorizia (penultima), Ascoli Piceno, Genova, Chieti, Ancona e Biella.

I centri storici negli ultimi dieci anni hanno perso il 13% dei negozi mentre crescevano a doppia cifra alberghi, bar e ristoranti (+18,6%). Si sono ridotte anche le bancarelle, con un calo del commercio ambulante del 9%. Lo rivelano i dati della ricerca di Confcommercio "Il ruolo del Commercio e del turismo per il rilancio delle città", basata su 120 comuni di medie e grandi dimensioni, escluse le metropoli policentriche di Roma, Milano e Napoli.

Lo studio mostra che il calo dei negozi non ha riguardato tutte le tipologie e che tengono le botteghe alimentari nei centri storici (+0,8%) e sono sempre di più negozi di computer e telefonia (+26,3%) e le farmacie (i negozi in maggiore espansione, +29,2%). Chiudono, invece, in centro, i negozi di vestiti e calzature (-15,4%), di libri e giocattoli (-22,9%) e di mobili e ferramenta (-23,2%), ma anche i distributori di carburanti (-27,9%).

"Stimiamo che il 70-80% della riduzione del totale numero dei negozi non sia dovuto alla crisi dei consumi - spiega il direttore dell'ufficio studi di Confcommercio, Mariano Bella - ma a razionalizzazioni e scelte imprenditoriali per l'insufficiente redditività, oltre alla competizione di commercio elettronico, centri commerciali e outlet".

In periferia le dinamiche del commercio sono attenuate rispetto a quelle dei centri storici, anche per effetto del calo maggiore dei canoni di locazione: il commercio in sede fissa cala del 10,3% in un decennio nelle periferie delle città, quello ambulante del 14,4% mentre alberghi, bar e ristoranti crescono del 17,7%.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X