DAL GDS IN EDICOLA

Giornata mondiale del rifugiato al Teatro di Siracusa: "Tutti noi siamo stranieri"

di

Basta una sola lingua per celebrare la «Giornata mondiale del rifugiato» e la Fondazione Inda in collaborazione con Unhcr anche quest'anno, per la tredicesima edizione, ha scelto quella dell'arte. Ballo, recitazione, danza ma anche performance musicali in un susseguirsi di emozioni nello scenario del Teatro greco.

Persino Bernard Dika, il giovane attivista insignito da Sergio Mattarella del titolo di alfiere della Repubblica, sembra, per una notte, lasciare i panni della politica e vestire quelli dell'attore. Ma non c'è finzione nelle sue parole, che sullo specchio d'acqua di una scenografia di Elena intatta, raccontano una storia: la sua. Anche Dika da straniero, è nato in Albania, ripercorre la sua vita e ha spiegato come "tutti noi siamo stranieri per qualcun altro e l'unico modo per abbattere le barriere è unirci insieme".

Poi ad invadere la cavea i ragazzi dell'Accademia d'Arte del Dramma Antico con lo spettacolo "Resilis", concluso da un assolo della ballerina Tatiana Giardina.

L'articolo completo nell'edizione della Sicilia orientale del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X