DA GDS IN EDICOLA

Beni confiscati, a Siracusa un laboratorio sartoriale per giovani disagiati

di
beni confiscati, Via Bainsizza, Francesco Italia, Siracusa, Cultura

Un laboratorio sartoriale artigianale in un immobile confiscato alla mafia, alla Borgata. È così che l'amministrazione comunale avvierà un progetto di riqualificazione urbana e al tempo stesso restituirà alla città una struttura, oggi diroccata e in stato di totale abbandono, confiscata e assegnata al Comune nel 2015.

«È un piano di intervento che ha due importanti direttrici - ha spiegato il primo cittadino Francesco Italia -, ci consentirà di recuperare e mettere in sicurezza un immobile e al tempo stesso di proseguire lungo il percorso di rinascita sociale dei quartieri cittadini che abbiamo intrapreso dal nostro insediamento e vogliamo proseguire nei prossimi anni».

Per il progetto denominato «La tela di Aracne», è previsto un finanziamento dal ministero degli Interni per un totale di 836 mila euro; i fondi sono legati al «Pon legalità 2014-2020», l'amministrazione comunale dovrà completare l'intervento due anni.

L'articolo nell'edizione della Sicilia Orientale del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X