stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Siracusa, il cantante norvegese Erlend Oye offre un milione per la Pillirina
AMBIENTE

Siracusa, il cantante norvegese Erlend Oye offre un milione per la Pillirina

Siracusa, Cronaca

Un milione di euro per la Pillirina, l’area naturalistica di fronte all’Area marina protetta del Plemmirio, a sud di Siracusa. L’offerta arriva da Erlend Oye, cantante della band norvegese dei Kings of Convenience, che da anni vive a Siracusa. L’area, acquistata dalla società Elemata Maddalena, è stata al centro di una lunga battaglia a colpi di ricorsi tra Emanuele di Gresy, titolare della società, e gli ambientalisti che chiedono l’istituzione della riserva terrestre. Di Gresy, che voleva aprire un albergo di lusso nell’area, progetto bocciato, ha presentato adesso un piano per ristrutturare i ruderi di alcune batterie militari risalenti alla seconda guerra mondiale. Tra l’altro nelle settimane scorse, il Tar di Catania ha rigettato il ricorso presentato da Legambiente Siracusa contraria alla ristrutturazione. Immediata la risposta di De Gresy al cantante: «Sei male informato, anzi proprio fuori strada. La tua offerta è commovente, esprimi grande sensibilità, esattamente come nella tua opera artistica e ne sono affascinato, lo confesso ma debbo declinare, anche perché ne sono serviti oltre quindici milioni». Nel suo post su Instagram Erlend Oye aveva scritto: «La Pillirina non ha bisogno di alcuna riqualificazione. E’ perfetta così com’è. Io posso vendere la mia casa a Bergen e forse riuscire a rimborsarti i costi che hai sostenuto durante gli anni di battaglie giudiziarie. Un milione di euro sarà sufficiente? E’ tutto quello che ho. Non privarci della Pillirina». Ma Di Gresy replica: «Mi spiace che nelle tue visite ai luoghi, nessuno ti abbia mai spiegato bene che differenza passi tra proprietà pubblica e privata. L’esproprio o la vendita sono altro, quello proletario è altra cosa ancora che da anni tenta Legambiente insieme ad altri. Voglio però rassicurarti che il nostro partner è di primissimo piano, Six Senses che in tutto il mondo è ampiamente riconosciuto, apprezzato e ben voluto, per la estrema sensibilità ambientale oltre che per le buone pratiche, evidentemente sconosciute ai finti ambientalisti siracusani. Nessuna speculazione, nessun diritto violato, nessuna volontà di abbruttire quello che natura e storia hanno regalato a questa terra meravigliosa, solo valorizzazione intelligente e compatibile». L’assessore alla Cultura, Fabio Granata, ha chiesto alla Regione l’istituzione della Riserva terrestre alla Pillirina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X