stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cellulari e droga nel carcere di Siracusa, arrestato un avvocato

Cellulari e droga nel carcere di Siracusa, arrestato un avvocato

Telefoni cellulari e droga nel carcere di Siracusa. Il finanzieri del Comando provinciale e la Polizia penitenziaria del Nucleo investigativo centrale hanno eseguito le misure cautelari disposte dal gip nei confronti di un avvocato, che è stato arrestato, e di una donna residente in città. Cinque detenuti del reparto sicurezza sono stati trasferiti.

In manette un avvocato di Avola di 67 anni che, insieme alla donna, avrebbe consentito a un detenuto del Reparto Alta sicurezza del carcere «Cavadonna» di approvvigionarsi di hashish. nei confronti della donna, compagna del detenuto, è stato applicato l’obbligo di soggiorno.

Dalle indagini è emerso che il detenuto ha potuto utilizzare cellulari attraverso i quali periodicamente richiedeva ai propri familiari lo stupefacente. Le attività investigative, condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Siracusa e dal Nucleo investigativo regionale Polizia penitenziaria di Palermo, coordinato dal Nucleo investigativo centrale Polizia Penitenziaria di Roma, hanno documentato le ripetute consegne di stupefacenti. Il legale arrestato, nel corso dei colloqui in carcere, ha dato al suo assistito diversi quantitativi di droga, che veniva poi condivisa con altri reclusi del Reparto Alta sicurezza.

La ex moglie e le figlie del detenuto procuravano la droga e la consegnavano all’attuale compagna dell’uomo. Quest’ultima, una volta nascosto l’hashish in vasetti di crema cosmetica, lo dava al legale che lo consegnava al suo assistito. Le attività di intercettazione delle utenze telefoniche hanno consentito di ricostruire, tra la fine di novembre dello scorso anno e i primi giorni di febbraio, sei distinte consegne di sostanze stupefacenti eseguite dall’avvocato con la complicità di tutti i soggetti coinvolti, con i quali avrebbe invece dovuto intrattenere rapporti esclusivamente professionali.

Eseguiti nell’istituto penitenziario due sequestri di stupefacenti, a dicembre e a febbraio, al termine di un colloquio con il difensore. Sequestrati anche i cellulari. Disposto il trasferimento in altri istituti penitenziari di cinque detenuti del Reparto Alta sicurezza.
Oltre all’avvocato arrestato e alla donna sottoposta all’obbligo di dimora, sono indagate sei persone che si sono occupate dell’approvvigionamento della droga. Con questi ultimi, alcuni carcerati hanno intrattenuto di nascosto conversazioni telefoniche attraverso i cellulari introdotti nella struttura penitenziaria. Agli indagati, a vario titolo ed in concorso, vengono contestati i reati di illecita detenzione e cessione di sostanze stupefacenti.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X