stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Aggressioni a Catania e Siracusa, appello della Fials 118: "Basta odio verso gli operatori"

Aggressioni a Catania e Siracusa, appello della Fials 118: "Basta odio verso gli operatori"

"Bene le misure di sicurezza sulle ambulanze annunciate da governo regionale e Seus, ma serve adesso una rivoluzione culturale a tutela del personale sanitario". Lo affermano Sebastiano Motta e Carmelo Salamone del coordinamento regionale della Fials 118, dopo le aggressioni ai danni di autisti soccorritori 118 di Seus, avvenute a Catania, Palermo e Siracusa.

Fials accoglie con apprezzamento e sollievo l'annuncio delle misure a tutela degli equipaggi, e ribadisce che "non è più tollerabile che chi lavora per guadagnarsi da vivere portando bene alla collettività, possa essere ancora oggetto di rabbia con ogni sorta di sfogo violento.

L'annuncio di Seus, nella persona del presidente Croce, e del governo regionale, con l'assessore alla Salute, Razza, riguardo alle misure che prossimamente saranno attuate a difesa degli equipaggi, viene accolto dagli attori del soccorso con apprezzamento e mero sollievo”.

Secondo la Fials “occorre rispettare e porre fiducia nei soccorritori, che sicuramente  dell'opinione pubblica - annunciano - affinché si riconoscano i soccorritori del 118, quali "difensori della vita e della salute pubblica" e non cattivi soggetti su cui riversare odio.

Confidiamo nell'alto senso di civiltà dei nostri conterranei siciliani, affinché possano riconoscere agli operatori del soccorso 118 nell'esercizio delle loro funzioni la giusta autorevole dignità e il giusto merito professionale per quanto sanno svolgere con indubbia competenza per la collettività”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X