TRIBUNALE SIRACUSA

Il delitto del pozzo a Canicattini, una nuova perizia per l’indagato

Il gip del tribunale di Siracusa, Carla Frau, ha disposto una nuova perizia psichiatrica per Paolo Cugno, l’operaio ventisettenne di Canicattini rinviato a giudizio, con il rito abbreviato, per l’omicidio della compagna, Laura Petrolito, la ventenne trovata senza vita nel marzo dello scorso anno in un pozzo nel fondo agricolo della famiglia del giovane.

E’ stata, dunque, accolta la richiesta della difesa dell’operaio, rappresentato dall’avvocato Giambattista Rizza, che aveva presentato ricorso per una nuova consulenza dopo quella, per nulla favorevole, di Antonino Petralia, per il quale Paolo Cugno è sostanzialmente sano di mente.

Il fondamento della difesa è che l’indagato è affetto da schizofrenia paranoide come emerso nella perizia di parte eseguita da Michele Lo Magro.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X