stampa
Dimensione testo
L'ALLARME

Tensione nel carcere di Siracusa, due detenuti picchiano un agente penitenziario

di

Alta tensione al carcere di Siracusa, dove due detenuti hanno aggredito e picchiato un agente di polizia penitenziaria.

Al rientro dall'ora d'aria i due detenuti hanno improvvisamente aggredito il poliziotto penitenziario, per cause ancora incomprensibili. L'agente ha riportato una contusione.

A denunciare l'ennesimo episodio di violenza nelle carceri è il Sappe, il sindacato autonomo di polizia penitenziaria.

“Una violenza assurda e incomprensibile, che va stigmatizzata ma per la quale chiediamo fermezza nel punire i responsabili. Al collega va tutta la nostra solidarietà, ma ora ci aspettiamo provvedimenti concreti”, commenta Lillo Navarra, segretario nazionale per la Sicilia del Sappe.

“Quanto accaduto a Siracusa evidenzia come le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti - denuncia Donato Capece, segretario generale Sappe - All’ennesima emergenza legata al sovraffollamento, con oltre 60mila detenuti presenti nelle carceri italiane, è solamente grazie ai poliziotti penitenziari, gli eroi silenziosi del quotidiano, se il numero delle tragedie in carcere è fortunatamente contenuto e se si riesce a contrastare le intemperanza e le violenze di una parte di popolazione detenuta aggressiva e violenta”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X