stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio di Lentini, il movente nei contrasti legati allo spaccio
LE INDAGINI

Omicidio di Lentini, il movente nei contrasti legati allo spaccio

SIRACUSA. Contrasti legati allo spaccio di sostanze stupefacenti: sarebbe questo il movente dell'omicidio di Aldo Panarello, 35 anni, freddato con quattro colpi di pistola giovedì scorso in piazza Aldo Moro, a Lentini.

Secondo carabinieri e polizia, che oggi hanno tenuto una conferenza stampa congiunta, Jonhatan Parcella, 28 anni, presunto killer, arrestato ieri, avrebbe agito d'impeto dopo avere avuto dal padre la notizia che il suo camper e la casa rurale nella campagna di Carlentini, erano stati incendiati. E avrebbe addossato la colpa alla vittima con cui era in contrasto per motivi legati allo spaccio della droga.

Parcella, secondo gli investigatori, si è procurato la pistola e conoscendo bene le abitudini di Aldo Panarello lo ha raggiunto e ucciso. Nonostante piazza Aldo Moro alle 8.30 del mattino sia molto frequentata per la presenza di scuole e uffici, il 28enne ha atteso a piedi il passaggio della Punto nera di Panarello e poi ha esploso quattro colpi, tre dei quali hanno raggiunto la vittima che si trovava alla guida alla testa, alla spalla e al petto.

Poi Parcella, che ha agito a volto scoperto, ha fatto il giro dell'auto e mentre la moglie seduta nel sedile accanto al conducente usciva dall'auto urlando, ha guardato il corpo della vittima, senza vita, e si è allontanato a piedi. Molti testimoni hanno assistito alla scena ripresa anche da alcune telecamere dei circuiti di videosorveglianza di esercizi commerciali e uffici della zona.

L'arma utilizzata, una Beretta calibro 7,65, con due caricatori contenenti ancora sette cartucce, è stata trovata nascosta all'interno dell'autovettura di un familiare di Parcella.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X