stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La truffa in agricoltura nel Messinese, Armeli scagiona tutti
L'INCHIESTA

La truffa in agricoltura nel Messinese, Armeli scagiona tutti

di

TORTORICI. Si sono chiusi ieri mattina gli interrogatori delle cinque persone raggiunte da provvedimenti cautelari nell'ambito dell'inchiesta sulle truffe agricole ai danni dell'Agea. Le principali novità sono arrivate però mercoledì pomeriggio, quando davanti al Gip Ines Rigoli, sono comparsi il veterinario Sebastiano Armeli, consigliere comunale di Tortorici, e la cognata Antonia Strangio, amministratore del Centro di Assistenza Agricola intorno al quale ruota la truffa. Si tratta delle due persone finite ai domiciliari.

Inoltre è stata sentita anche la moglie di Armeli, l'avvocato Maria Natalina Strangio, raggiunta da obbligo di dimora. Mentre le due donne hanno affermato di non essere a conoscenza dei reati contestati, Sebastiano Armeli, alla presenza del proprio legale Carmelo Occhiuto, avrebbe fatto ammissioni su alcune irregolarità delle quali si è però assunto la paternità affermando che gli altri indagati non erano coinvolti. Ieri mattina, invece, sono stati sentiti Giuseppe Armeli e l'ex segretaria Mariella Marino Gammazza. Gli avvocati impegnati nelle difese, Rosalba Casella, Maria Americanelli, Teresa Strangio e Carmelo Occhiuto, stanno quindi valutando le istanze da presentare per i propri assistiti, alla luce di questa prima tornata di interrogatori.

 

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI MESSINA DEL GIORNALE IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X