stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Siracusa, le bici restano ferme Ma il Comune paga mille euro al mese

Siracusa, le bici restano ferme Ma il Comune paga mille euro al mese

Il servizio non decolla, le stazioni restano vuote ma l’amministrazione liquida le fatture per la promozione del progetto e il suo funzionamento
Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Le biciclette sono un lontano ricordo e le stazioni restano desolatamente vuote. Ma il Comune continua a pagare per la manutenzione e la promozione. È questo l’ennesimo paradosso del servizio di «Go bike», lanciato durante il G8 ambiente nel 2009 senza che sia mai riuscito a compiere veri e propri ”passi”. Nè, come era nelle intenzioni, a cambiare il modo di spostarsi in città. E di certo non ad attirare i turisti che spesso si fermano davanti le colonnine nel tentativo di capire a cosa possano servire. In compenso sono arrivate polemiche, critiche, indagini della Magistratura. Oggi, basta fare un giro tra le quindici stazioni in città, per ”ammirare” colonnine vuote e ormai usurate. Dal Talete, al Molo Sant’Antonio, passando per piazza Archimede e il Castello Maniace. O ancora al Monumento ai caduti e piazza San Giovanni. L’elemento in comune resta l’assenza delle bici. Come previsto da una convenzione firmata con l’associazione «Aretusa bike», il Comune continua intanto a pagare il servizio per il bilanciamento, la manutenzione ordinaria e straordinaria, la promozione del progetto «Go bike», i corsi di formazione e il punto vendita delle tessere. In una determina del settore Mobilità e Trasporti, dello scorso 24 settembre, viene dato mandato di liquidare 2.420 euro per i mesi di agosto e settembre.
UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X