LA SENTENZA

Comunale licenziato per furto ad Augusta, il giudice: va riassunto

di

SIRACUSA. Tornerà al suo posto di lavoro da dipendente comunale ad Augusta Giuseppe Zanti, il sessantenne licenziato a luglio 2016 e reintegrato l’altro ieri dal giudice del lavoro di Siracusa, Filippo Favale, che ha accolto il suo ricorso, condannando il Comune all’immediato reintegro e al pagamento degli stipendi maturati dal giorno del licenziamento a quello del reintegro, oltre alla rivalutazione monetaria, agli interessi e al versamento dei contribuenti previdenziali e assistenziali.

La sentenza è praticamente identica a quella emessa, sempre dallo stesso giudice a febbraio scorso, nei confronti di un altro dipendente comunale Francesco Celeste, coinvolto nella stessa vicenda che risale ad aprile dell’anno scorso quando Zanti, insieme a Celeste e ad un altro dipendente, Giuseppe Di Masi, fu arrestato (ai domiciliari e poi rimesso in libertà con obbligo di firma) per aver preso parte ad un furto di mattonelle -poi restituite- da una piazzetta in via di realizzazione in contrada Campolato, durante l’orario di lavoro e con il furgone dell’Ente.

«Anche questa volta il giudice- ha fatto sapere l’avvocato difensore Ursula Raniolo, soddisfatta dell’esito del procedimento- ha ritenuto illegittimo il licenziamento dell’ufficio procedimenti disciplinari del Comune accogliendo la tesi difensiva secondo cui non sussiste la proporzionalità tra i fatti contestati e la sanzione del licenziamento.

Il Comune avrebbe dovuto adottare una sanzione conservativa, più mite rispetto al licenziamento che si applica nei casi più gravi». L’Ente dunque è obbligato a riassumere Zanti, ma è probabile che così come ha già fatto il mese scorso per Celeste, anch’egli già reintegrato, presenterà opposizione all’ordinanza del giudice del lavoro.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA-ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X