IL CASO

Scrisse la musica per la canzone del vescovo di Noto: "Non mi ha più pagato"

Vescovo Noto, Antonio Staglianò, Siracusa, Cronaca
Antonio Staglianò, vescovo di Noto

Ha accettato di musicare e arrangiare il brano «Indimenticabile Sei» scritto dal vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò, ma, dice ora, «non sono mai stato pagato». Antonio Cospito, dehoniano orante (consacrato della famiglia Dehoniana), residente a Cuneo, aveva sin da subito rinunciato agli eventuali ricavi del brano: «Ogni ricavato dell’opera musicale 'Indimenticabile Sei' era stato stabilito con il vescovo sarebbe stato interamente versato all’Elemosineria Apostolica di Papa Francesco - spiega Cospito - Ma io ho coinvolto dei musicisti, abbiamo registrato il brano in uno studio in Liguria. Abbiamo avuto dei costi a cui il vescovo aveva assicurato avrebbe fatto fronte».

Staglianò, 58 anni, calabrese, ordinario di teologia sistematica, autore di numerose pubblicazioni su fede e teologia, ma anche di poesie e decaloghi molto spesso rivolti a temi sociali, è un appassionato di musica. Ha cantato durante le sue omelie canzoni di Noemi e Mengoni e con la chitarra al collo ha suonato e cantato in diverse occasioni.

«Lui adesso - spiega Cospito - ha presentato il brano anche in trasmissioni televisive nazionali ma non mi ha più pagato e non mi risponde al telefono. Al contrario ho ricevuto una lettera del suo avvocato». Dalla Diocesi di Noto è già partita una diffida nei confronti di Antonio Cospito anche se il vescovo preferisce non rilasciare alcuna dichiarazione.

«Il vescovo - spiega don Fortunato Di Noto, Vicario episcopale dell’ufficio fragilità e disagio sociale - è stato contattato da questa persona e si è fidato. E quando gli è stato proposto di destinare il ricavato alla carità del Papa non ha esitato. Poi però questa persona ha cominciato a gestire la comunicazione inerente questo brano in maniera del tutto autonoma. Allora lo abbiamo diffidato a non utilizzare più il nome del vescovo».

Nessuna somma era stata pattuita? «Assolutamente no.- risponde - Il vescovo non ha mai preso nessun accordo economico con questa persona. Purtroppo in buona fede si è fidato e questo è stato il risultato».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X