CONTRADA FUSCO

Reflui fognari nel porto di Siracusa, sequestrata una parte del depuratore

La guardia costiera di Siracusa e il corpo forestale hanno sequestrato stamane la centrale di sollevamento dell’impianto di depurazione di contrada Fusco a Siracusa. Il provvedimento è stato firmato dal Gip Giuseppe Tripi su richiesta del procuratore aggiunto Fabio Scavone che ha coordinato le indagini.

Il gip ha lasciato la facoltà d’uso dell’impianto ai tecnici della Siam, la società che gestisce il servizio idrico integrato in provincia di Siracusa. I reati ipotizzati sono immissione di rifiuti di qualsiasi genere in acque superficiali e sotterranee e distruzione o deterioramento di habitat naturale.

Le indagini avviate nell’estate 2016 hanno accertato che, in più circostanze, da una condotta della centrale di sollevamento venivano sversati i reflui non depurati sul canale «Grimaldi» per poi sfociare nel porto Grande di Siracusa, area di notevole interesse paesaggistico nonché area individuata come Sito di Interesse Nazionale.

Dalle analisi è emersa una massiccia contaminazione da reflui fognari delle acque che scorrono all’interno del predetto canale, caratterizzate da solidi sospesi totali, escherichia coli, azoto ammoniacale e azoto nitroso.

Le ispezioni nella centrale di sollevamento di contrada Fusco ha permesso agli investigatori di monitorarne il funzionamento e di constatare l’incapacità di assicurare il normale ciclo di depurazione di reflui civili provenienti dal Comune di Siracusa e da Solarino e Floridia.

La centrale di sollevamento di contrada Fusco è stata affidata in custodia giudiziale al legale rappresentante della Società che gestisce il servizio di depurazione delle acque nella città di Siracusa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X