LA TRAGEDIA

Ventenne uccisa a Canicattini Bagni, il sindaco: "Sconvolti dall'omicidio, vicini ai figli"

PALERMO. L'omicidio della ventenne Laura Petrolito a Canicattini Bagni, ha sconvolto l'intero paese. "Quella di questa mattina è una notizia che non vorresti mai sentire, una notizia drammatica che ha scosso tutta la comunità canicattinese. Una donna, una giovane mamma, non può morire in questo modo violento".

Lo dice il sindaco di Canicattini Bagni, Marilena Miceli a proposito dell'uccisione della ragazza accoltellata e buttata in un pozzo.

"Tutta la città ferita si stringe attorno al figlioletto di Laura, l'altra vittima di questa assurda tragedia, e ai familiari. - aggiunge - Auspichiamo che le forze dell'ordine e gli inquirenti facciano piena luce e soprattutto rendano giustizia per la morte di una giovanissima mamma".

"La città di Canicattini Bagni, laboriosa e tranquilla - conclude il sindaco Miceli - a distanza di quattro anni dall'uccisione di Maria Ton da parte del marito, purtroppo, torna a piangere un'altra sua figlia".

Il sindaco ricoda Laura Petrolito come "una ragazza dolcissima, solare, disponibilissima. L'ho conosciuta tanti anni fa, una ragazza che è stata sfortunata nella vita. Ma adesso era riuscita a trovare il suo equilibrio. Lo ha cercato diventando mamma. Aveva il padre sempre accanto ma anche i genitori dell'attuale compagno le sono sempre stati vicini", racconta. "La nostra è una piccola comunità e Laura aveva bisogno di aiuto, nonostante il padre l'abbia sempre sostenuta", spiega.

Laura è divenuta mamma una prima volta quando era minorenne e ha un primo bimbo di 3 anni che vive con la nonna. Poi il secondo figlio, di 8 mesi, nato dalla sua attuale relazione.

«Inizio con riposa in pace. Oggi mi è giunta la straziante notizia che il tuo cuore ha smesso di battere, hai smesso di respirare, hai smesso di vivere lasciando al mondo due bambini bellissimi». E’ un post scritto da una amica sulla pagina Fb di Laura Petrolito.  «Ricordo ancora quando ci davi consigli per nostri cammini futuri nella vita, ma a cosa servono più, se quella vita che ci dicevi bellissima ti è stata sottratta? - scrive l’amica- Avevi ancora un lungo percorso da fare. Vogliamo giustizia per te, ci batteremo tutti per fare uscire a galla la verità. Ti vogliamo tanto bene, ci vediamo per l’ultimo saluto ai tuoi funerali dove saremo tutte presenti. Ti ricorderemo sempre così, sorridente anche davanti alle difficoltà. Ciao Laura, proteggi tutti da lassù».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X