IL CASO

"Sistema Siracusa", un altro fronte di indagine

di
sistema siracusa, Siracusa, Cronaca
Massimo Carrubba

AUGUSTA. L’ex sindaco di Augusta Massimo Carrubba ha presentato un esposto alla Procura di Messina ritenendosi vittima del cosiddetto «Sistema Siracusa», fatto di campagne giornalistiche diffamatorie e indagini pilotate che risalirebbero al periodo in cui ha amministrato Augusta, ovvero dal 2003 al 2012.

Un metodo che è emerso nelle ultime settimane a Siracusa coinvolgendo, tra gli altri, l’ex pm Giancarlo Longo, oggi ai domiciliari, ma soprattutto l’avvocato augustano Piero Amara, ancora in carcere, considerato dalla Procura di Messina il vero deus ex machina, figlio di Pippo Amara, che Massimo Carrubba più volte, nel corso della conferenza stampa tenuta a Palazzo Zuppello, per annuncio l’iniziativa giudiziaria, ha nominato ricordando quanto scritto in atti processuali datati nel tempo, non recenti in cui si parla «del piano dell’Amara di utilizzare qualunque sistema per sconfiggere l’avversario».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X