CORTE D'APPELLO

Uccise l’amico con una manata, chiesti 10 anni e 8 mesi per operaio di Siracusa

di

SIRACUSA. Il sostituto procuratore Antonio Nicastro ha chiesto la condanna per omicidio preterintenzionale a 10 anni ed 8 mesi di reclusione di Sebastiano Musso, l’operaio di 44 anni accusato della tragica morte del suo amico, Franco Iraci, commerciante d’auto deceduto al culmine di una lite avvenuta nella notte tra il 24 ed il 25 marzo del 2016 nella zona di piazza Cesare Battisti, ad Ortigia, a due passi dal mercato ortofrutticolo.

Il processo è giunto in Corte di Appello, con il rito abbreviato, ed in primo grado il gip del tribunale di Siracusa, Andrea Migneco, nella sentenza emessa un anno fa, aveva condannato l’imputato a 12 anni. Una pena più severa rispetto a quella che aveva chiesto lo stesso pm, per il quale sarebbero stati sufficienti 10 anni. Anche in secondo grado, il magistrato si è sostanzialmente allineato alla prima richiesta e lo stesso hanno fatto le parti civili.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X