POLIZIA

Ingaggia un aggressore per picchiare il cognato, un arresto a Pachino

PACHINO. Per punire il cognato avrebbe assoldato un uomo di 30 anni che il 12 ottobre dell’anno scorso prese a colpi di mazza da baseball la vittima, che aveva appena parcheggiato l’auto nel cortile della propria abitazione e che riuscì però a divincolarsi, facendo fuggire l’aggressore che perse una scarpa.

L’uomo che aveva il capo coperto è stato comunque incastrato dalle immagine di alcune videocamere e riconosciuto dalla vittima; proseguendo le indagini poi i poliziotti del commissariato di Pachino hanno scoperto che dietro all’aggressione c'era un mandante: Renato Boager, 53 anni; l’uomo avrebbe covato un forte rancore nei confronti della sorella e del cognato, accusandoli di avere abbandonato la madre e di essere rimasto solo ad assisterla fino alla morte; Boager era convinto di trovare soldi nel libretto intestato alla madre, in realtà la pensione della donna sarebbe stata usata per le spese della casa; a quel punto avrebbe cominciato a perseguitare i familiari, costringendoli a versargli 4 mila euro e a trasferirsi a Siracusa per sfuggire alle persecuzioni dell’uomo che avrebbe preso di mira anche la famiglia di un altro fratello.

Boager è stato arrestato con l’accusa di estorsione, atti persecutori e lesioni, mentre l’autore dell’aggressione è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Avola, per l’accusa di lesioni. L’inchiesta è stata coordinata dalla Procura di Siracusa che evave chiesto il carcere per i due.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X