TRAGEDIE GRECHE

Svolta all’Inda, a Siracusa il teatro classico diventa sperimentazione

di

SIRACUSA. Con Emma Dante, regista di “Eracle” di Euripide al prossimo 54esimo ciclo di spettacoli classici al Teatro greco, a partire dal 10 maggio, la vera ineluttabile svolta del teatro classico che diventa sperimentazione. Un Eracle espressione di «potere», su un tema dominante, quello della morte, che la regista palermitana - reduce da successi nei più importanti teatri internazionali - intende rappresentare attraverso una sorta di mutazione originaria, e cioè dal maschile al femminile.

Saranno infatti tutte donne le attrici che comporranno il cast, sarà donna Eracle, ma «non vedrete seni - racconta presentando il suo spettacolo a Palazzo Greco - o altre parti del corpo, ma piuttosto sentirete la forza del personaggio. Si tratta semplicemente, per me, di un gioco teatrale e un modo per restituire alle donne ciò che gli antichi avevano loro tolto». La scelta di questa inversione di ruoli, non sembra affatto casuale, ma è precisa e sostenuta dalla regista da un profondo studio sul personaggio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X