NEL SIRACUSANO

Fattorino morto dopo essere stato morso da tre cani a Portopalo, ma è mistero sul decesso

di

PORTOPALO DI CAPOPASSERO. Consegna un pacco in un agriturismo, viene morso da tre cani molossi e muore. E’ accaduto ieri alla periferia di Portopalo. La vittima un catanese di 52 anni, Agatino Zuccaro.

Il dipendente di una ditta di spedizioni espresse aveva raggiunto con il furgone della ditta il posto dove effettuare la consegna. Era sceso dal furgone ma lì i tre cani lo hanno circondato e azzannato. Qualche ora dopo i proprietari della struttura, al cui interno si trovava la destinataria della consegna, avendo notato il furgone con il portellone aperto ma senza nessuno all’interno, hanno cercato il fattorino. Sono stati anche chiamati i carabinieri della stazione di Portopalo.

Dopo un po’ di tempo i militari hanno trovato il corpo del fattorino vicino ad un albero con il pacco da consegnare. Sul corpo sono stati notati dei morsi dei cani al polpaccio e sulle braccia, ma non su punti vitali. L'autopsia del medico legale potrà spiegare meglio cosa abbia portato alla morte dell’uomo.

I carabinieri della stazione di Portopalo hanno effettuato tutti i rilievi del caso per poter accertare con precisione i contorni della vicenda. Sul posto è arrivato anche un veterinario in servizio all’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa che già ieri sera ha deciso di trasferire i molossi in un canile.

Il proprietario dell'agriturismo è indagato per omicidio colposo. Lo conferma il capo della Procura di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, che coordina le indagini. Un atto dovuto anche in base alla norma del codice civile sull'obbligo dei proprietari di animali ad essere responsabili dei danni procurati dai propri animali.

Il proprietario dell'agriturismo "Tenuta Walter" in contrada Pagliarello, risulta l'unico indagato e domani potrà nominare i suoi consulenti per partecipare all'autopsia che sarà effettuata sul corpo di Zuccaro nella camera mortuaria del cimitero di Pachino dal medico legale, Giuseppe Caldarella.

"I proprietari sono scioccati" dichiara il loro legale, Giuseppe Gurrieri. "Naturalmente preferiscono non rilasciare alcuna dichiarazione". Conoscevano il fattorino perché spesso portava loro dei pacchi". La struttura era praticamente chiusa: "E' attiva soprattutto nel periodo estivo - spiega ancora il legale -: è a conduzione familiare, c'è un ristorante, piscina, e diversi mini appartamenti. Ma in questo momento nessun ospite".

A parte una signora che alloggia però da diverso tempo in un appartamento. Proprio a lei era destinato il pacco. "Bisogna comprendere bene la dinamica di quanto è avvenuto - continua l'avvocato -. Il corpo dell'uomo è stato ritrovato in una zona della tenuta dove non c'è nulla. La reception è subito all'ingresso, vicino a dove è stato trovato il furgone". E poi i cani sono subito stati chiusi dentro un ampio box, come sempre, "dallo stesso proprietario, che ieri aveva deciso di fare una passeggiata. Poi è uscito da una porta secondaria. Il furgone quindi si trovava già nell'ingresso principale. Ma non si comprende come mai il corriere non si sia recato in casa e non abbia citofonato".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X