TRIBUNALE

Delitto Romano a Siracusa, il boss alla sbarra

di

SIRACUSA. Sarà processato con il rito abbreviato Alessio Attanasio, 46 anni, ritenuto dai magistrati della Dda di Catania, il boss della cosca che porta il suo nome e quello del suo ex suocero Bottaro. Deve rispondere dell’omicidio di Giuseppe Romano, ammazzato il 17 marzo del 2001 in via Elorina, per la cui morte fino a qualche mese fa non c’erano piste molto chiare.

A dare una spallata definitiva alle indagini sono state le rivelazioni dei nuovi pentiti, tra cui Dario Troni ed Attilio Pandolfino, che si sono aggiunte a quelle di Antonio Tarascio, Giuseppe Curcio, Salvatore Lombardo e Rosario Piccione. Il gup di Catania ha fissato la prima udienza il 12 febbraio del 2018 ma il boss del clan Attanasio-Bottaro, fin dai primi giorni di quelle accuse ha sempre negato ogni addebito, sostenendo di trovarsi in un altro posto nel momento in cui la vittima veniva uccisa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X