IL CASO

Intimidazione al sindaco di Siracusa, il capo della Procura: "Troppo presto per capire"

di

SIRACUSA. «Non ho molto elementi per spiegare quanto accaduto. Abbiamo numerose cose in cantiere, le attività della mia amministrazione sono tante ed individuare l’origine dell’intimidazione è impossibile». Sono le parole del sindaco Giancarlo Garozzo arrivato in città all’ora di pranzo dopo un viaggio in aereo da Roma per mettersi a disposizione dei carabinieri e dei magistrati che indagano sull’avvertimento culminato con l’incendio della sua macchina, parcheggiata sotto la sua abitazione, in viale Santa Panagia.

«Intanto bisogna capire in che ambito si colloca questo episodio. Ci sono vari profili – spiega il capo della Procura, Francesco Paolo Giordano, che coordina le indagini sull’attentato al sindaco - da individuare, come l’attività del sindaco e quella della moglie. È troppo presto per avere una chiave di lettura a quel messaggio, di certo stiamo approfondendo ogni aspetto».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X