L'INTIMIDAZIONE

L'auto del sindaco di Siracusa in fiamme, Garozzo: "Non mi intimoriscono"

SIRACUSA. «Un gesto commesso quando la vita cittadina è in pieno svolgimento e mentre mi trovo fuori città per motivi istituzionali. Una sfida lanciata all’intera comunità siracusana per intimidirla e mortificarla. Sappiano gli autori che hanno sbagliato bersaglio perché questo atto vile mi spinge a proseguire con maggiore convinzione per affermare la legalità a Siracusa». Lo dice il sindaco Giancarlo Garozzo, che ha deciso di anticipare il suo ritorno a Siracusa dopo che qualcuno ha incendiato la sua auto.

«Ho sempre avuto fiducia nelle forze dell’ordine e nella magistratura e sono pronto a fornire la massima collaborazione. La città saprà reagire al tentativo sfrontato della criminalità di spargere la paura e io non mi fermerò. Le scelte di questi 4 anni, le numerose gare d’appalto che hanno rotto il sistema delle proroghe nell’affidamento dei servizi, l’opposizione ai gruppi che volevano portare l’ente alla bancarotta sono la conferma che l’amministrazione ha sempre lavorato nell’interesse della collettività. Un pensiero va alla mia famiglia, fortemente scossa, ma avremo la forza di superare questo momento».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X