SERVIZIO MENSA

Licenziati 30 dipendenti della Pellegrini, lavoravano all'Isab di Melilli

MELILLI. Oggi è il loro ultimo giorno di lavoro: da domani saranno ufficialmente licenziati i 30 dipendenti che per conto dell’azienda Pellegrini erano impegnati nel servizio mensa dei tre siti dell’Isab di Melilli. Per questo per lunedì mattina Fisascat Cisl e Uiltcs Uil di Siracusa hanno promosso un presidio davanti alla portineria sud dell’impianto, a Marina di Melilli.

Alla base della protesta, spiegano i sindacati, «il mancato accordo sul transito al nuovo player individuato dallo stesso gruppo Lukoil, saltato nonostante il parere favorevole di ben 24 lavoratori su 30 coinvolti e che ha determinato questo drammatico epilogo».

«Dopo il fallimento delle trattative con Pellegrini, avviate al tavolo di Confindustria, si era trovata la disponibilità di una nuova azienda - ricostruiscono Fisascat Cisl e Uiltcs Uil - e la subentrante aveva accettato di assumere 18 lavoratori a tempo indeterminato e gli altri 12 avevano accettato volontariamente l’accompagnamento alla Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi) in attesa di essere riassorbiti successivamente con gli stessi benefici economici dei colleghi. Eppure - aggiungono i sindacati - all’Ufficio del lavoro, nonostante il parere favorevole della stragrande maggioranza dei lavoratori, qualcuno ha preferito non sottoscrivere l’accordo vanificando tutto. Una scelta discutibile che ha lasciato spiazzati tutti i lavoratori. Lunedì intendono protestare davanti all’Isab - annunciano Fisascat Cisl e Uiltcs Uil - e, allo stesso tempo, spingere perché si possa riconsiderare la soluzione del transito alla nuova azienda».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X