CAMPAGNA GDS

Ad Ortigia finito il restauro della fontana di Diana

di

SIRACUSA. Nessuna crepa ad annunciare crolli, ciascun pezzo al proprio posto e anche un elemento in più, recuperato dopo anni. La fontana di Diana in piazza Archimede a Siracusa è finalmente libera dalle laceranti ferite che hanno segnato un pezzo, fin troppo lungo, della storia di uno dei monumenti simbolo della città, nel cuore del centro storico di Ortigia.

Sono serviti due mesi e mezzi di lavoro, e una campagna del Giornale di Sicilia andata avanti per 113 giorni fino all’apertura del cantiere, per restituire a Siracusa la «sua fontana». Da poco più di due giorni i restauratori che si sono presi cura del monumento costruito nel 1907 hanno riposto tutti i propri attrezzi perché anche l’ultimo dei pezzi che si erano staccati dall’opera è stato recuperato e sistemato al proprio posto.

Rimosso anche il ponteggio utilizzato per arrivare fino alla vetta della fontana, la statua di Diana, resta adesso da effettuare la pulizia di tutto il sito e da azionare nuovamente l’impianto idrico. Poi, almeno per il momento, la fontana potrà «respirare» per un po’ in attesa che si elaborino un progetto di restauro complessivo e una manutenzione più regolare.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X