UDIENZA PRELIMINARE

La morte di Licia Gioia a Siracusa, dubbi sulla dinamica

di

SIRACUSA. C’erano anche i genitori di Licia Gioia, il sottufficiale dei carabinieri morto in circostanze misteriose il 29 febbraio scorso, all’udienza preliminare che si è svolta ieri al Palazzo di giustizia di viale Santa Panagia, davanti al gip Carmen Scapellato. In aula anche il marito della donna, indagato dai magistrati della Procura, per omicidio colposo.A sostenere l’accusa con il procuratore capo che ha coordinato l’inchiesta, Francesco Paolo Giordano il sostituto Marco Di Mauro.

Il legale della famiglia della vittima, Aldo Ganci, ha chiesto un incidente probatorio per ascoltare il figlio minorenne del coniuge, nato da un precedente matrimonio, che era in casa in quelle drammatiche ore. I parenti di Licia Gioia nutrono dei forti sospetti sul conto dell’uomo, in servizio alla Questura di Siracusa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook