INDUSTRIA

Priolo, il petrolchimico inquinerà di meno

di

PRIOLO. Riduzione delle emissioni di sostanze inquinanti stimata al 20 per cento per il 2018, attraverso i camini e i serbatoi di stoccaggio delle raffinerie Isab di Priolo e Melilli. Sono gli obiettivi previsti dall’Aia, l’autorizzazione integrata ambientale che è stata concordata dal ministero dell’Ambiente per gli impianti nord e sud di Isab, la società che appartiene al gruppo russo di Lukoil, il cui iter, dopo la fase istruttoria e la conferenza dei servizi è ormai concluso ed in attesa del decreto ministeriale.

Dopo questo provvedimento l’azienda, che nel Siracusano produce carburanti ed ha anche un impianto di cogenerazione per produrre energia dagli scarti della raffinazione, avrà sei mesi di tempo per adeguarsi.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook