IL CASO

Noto, profanata la tomba di un neonato

di

NOTO. La terra rimossa, sollevata di quasi mezzo metro tanto da rendere visibile la piccola bara bianca sepolta nella fossa comune del cimitero monumentale di Noto, l'area dove sono seppelliti per buona parte dei bambini. Un «giallo» che, stando ai primi accertamenti eseguiti dai vigili urbani della città barocca, potrebbe dirsi risolto.

A prima vista sembra escludersi l'atto di profanazione, e si propende, invece, per l'opera – almeno questa è la tesi più accreditata - di un cane o forse più di uno che vagherebbero all'interno del cimitero di contrada Migliorina e che da alcune settimane puntualmente scavano quella minuta fossa dove dallo scorso 14 febbraio è sepolto il piccolo Daniel, morto il giorno dopo la nascita.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X