POLIZIA

"Traffico di passaporti", società sportive siracusane nel mirino

di

SIRACUSA. È finito il mondo dello sport nel mirino degli agenti del commissariato di polizia di Augusta e dei magistrati della Procura di Siracusa che hanno scoperto un traffico di passaporti gestito da una famiglia brasiliana con la complicità di alcuni dipendenti pubblici dei comuni di Augusta, Floridia e Siracusa.

Nell’operazione Siracusao meravigliao, al termine della quale sono state arrestate sei persone, si è scoperto che, in poco più di un anno e mezzo, in Italia, attraverso un’agenzia disbrigo pratiche di Augusta, di cui è titolare Cleber Zanatta, 43 anni, sono arrivati 500 brasiliani, che hanno ottenuto la cittadinanza italiana.

Grazie ad artifici telematici, sui personal computer degli impiegati pubblici, risultavano dei legami familiari con italiani, favorendo così il rilascio dei passaporti.

Gli investigatori, però, sospettano che questo sistema possa aver consentito a sportivi di nazionalità brasiliana, tra cui calciatori, di poter giocare con la status di cittadini dell’Unione Europea non solo in Italia ma anche negli altri paesi comunitari.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X