PROTESTA

Rosolini, dipendente si incatena al Comune: «Non ho i soldi per pagare la bolletta»

di

ROSOLINI. «Non ho i soldi per pagare la luce, così si perde la dignità». Dipendente del Comune di Rosolini non può più permettersi di pagare la bolletta della luce e ha deciso di incatenarsi alla porta della sede centrale di via Roma del Comune.

Una protesta che però si è interrotta dopo poco ore grazie all’intervento del sindaco Corrado Calvo che ha predisposto il pagamento della bolletta con fondi comunali.

Protagonista della protesta un dipendente del settore «Ecologia», Salvatore Sipione, 62 anni, che ieri mattina si è presentato catena alla mano per manifestare tutta la propria insofferenza nel non poter più adempiere alle spese di prima necessità «per colpa dei continui ritardi nei pagamenti degli stipendi».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X