TEATRO GRECO

A Siracusa Euripide parla in... napoletano

di

SIRACUSA. Un dramma domestico che corre in rivoli verso la fine e si trasforma in una «sceneggiata»: il regista Valerio Binasco cala «Le Fenicie» di Euripide nel mondo Rom, condensandola in un gioco di potere e diplomazia, dove tutto è polveroso, sporco, misero. E le Fenicie sono donne straniere, profughe, nascoste dietro una maschera che le rende uguali le une alle altre, testimoni imbambolate come Matrioske lontane.

A differenza dei «Sette contro Tebe» dell’altra sera, questa seconda tragedia del ciclo classico ha portato nel Teatro Greco di Siracusa lo scontro corpo a corpo, drammaturgico e scenico, ma anche una sulfurea e velocissima virata verso la farsa, che diverte il pubblico ma rende il racconto della battaglia tra i due fratelli – che probabilmente il buon Euripide aveva impiegato un po’ ad ideare e non avrebbe molto amato di veder ridotta ad una telenovela – un capitolo di Gomorra in terra gitana.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X