IL CASO

L'omicidio di Eligia, la sorella: "Il marito non può aver fatto tutto da solo"

SIRACUSA. «Nonostante mia sorella fosse da poco morta, Christian Leonardi se ne andava in banca oppure al mare o al bar con gli amici». Lo ha detto Luisa Ardita, sorella di Eligia, l’infermiera siracusana morta nella sua abitazione la notte del 19 gennaio del 2015, nel corso dell’udienza del processo a carico del marito della vittima, accusato di omicidio volontario.

Una testimonianza, davanti ai giudici della Corte di Assise di Siracusa, durata circa 10 ore e nella sua deposizione la sorella di Eligia ha rimarcato il distacco del cognato, anzi il suo disinteresse, di fronte al decesso della moglie e della figlia di 8 mesi che la donna aveva in grembo. «Ricordo ancora quella torta disgustosa che ha fatto preparare per il compleanno di mio padre – ha detto Luisa Ardita – insomma il suo atteggiamento era tutt’altro che sconfortato per la perdita della moglie. Il loro rapporto, comunque, era ormai precario, lui usciva con gli amici, quasi ogni sera, e mia sorella se ne stava a casa».

GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X