IL CASO

Autorità portuale ad Augusta, uno spiraglio da Crocetta

di

AUGUSTA. Potrebbe esserci uno spiraglio nella vicenda dello “scippo” della sede di Augusta dell’Autorità di sistema del mare di Sicilia orientale trasferita a Catania da un decreto del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio che ha suscitato un vespaio di polemiche e anche un ricorso al Tar di Catania. Per saperlo però bisognerà attendere la prossima settimana quando il Governatore della Regione Rosario Crocetta incontrerà, a Roma, il ministro Delrio firmatario del decreto “incriminato” che però ad oggi non risulta ancora essere stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale.

Ieri è arrivato un prima apertura politica da parte di Crocetta all’atteso incontro, che si è svolto ieri pomeriggio a Palermo alla Presidenza della Regione tra il Governatore e una delegazione istituzionale partita da Augusta e Siracusa e composta dall’assessore regionale Bruno Marziano, dal sindaco Cettina Di Pietro, dalla presidente di Assoporto Augusta, Marina Noè e dal vice Bruno Ferreri, dai segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Roberto Alosi, Paolo Sanzaro e Stefano Munafò. Inizialmente erano presenti anche i parlamentari regionali Marika Cirone Di Marco e Vincenzo Vinciullo, che però non hanno potuto prendere parte alla discussione perchè impegnati al Parlamento regionale.

GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X