L'EVENTO

A Noto la mostra "Chagall e Missoni, sogno e colore"

NOTO.  Fino all’1 ottobre l'ex Convitto Ragusa di Noto ospiterà la mostra «Marc Chagall, Ottavio Missoni. Sogno e colore». Quadri e arazzi, tela e tessuto, dipinti e maglia. Due maestri del colore, due uomini che vissero il «secolo breve» e le sue rivoluzioni, due artisti che non si sono mai incontrati se non in questa mostra, attraverso le loro opere.

E qui si parlano, in un dialogo tra sogno e colore. L’esposizione, che ha già incuriosito la critica nazionale durante la sua prima tappa in Lombardia, arriva a Noto arricchita con diverse opere - tra cui un grande dipinto a olio - e nuove installazioni.
La mostra, a cura di Luca Missoni con la direzione artistica di Sara Pallavicini e Giovanni Lettini, è un progetto di Contemplazioni Srl, promosso da Fenice Company Ideas di Gianni Filippini, e vede il patrocinio della Città di Noto patrimonio dell’Umanità e bene Unesco dal 2002, in collaborazione con la Fondazione Ottavio e Rosita Missoni.

Noto rivela la sua forza onirica e si dimostra il luogo perfetto di questo sogno. Questo aspetto lo ritroviamo già nel pensiero di uno dei più grandi critci d’arte del nostro Paese: Cesare Brandi, il quale scrive durante il suo viaggio in Sicilia: Chi va a Noto, niente potrà chiedere di più alle iperboree visioni del sogno. Una grande occasione, questa mostra, per riportare in scena le atmosfere che questi due grandi artisti hanno indagato con il loro lavoro: in Chagall il sogno e la favola; in Missoni il colore e la magia. Sono previste anche installazioni complementari, in collaborazione con il Comune, tra cui alcune suggestive proiezioni luminose.

Tra le opere esposte di Chagall un grande olio del 1960, proveniente da collezione privata, dal titolo Les Amoureux sur fond jaune; oltre 100 acqueforti dal ciclo della Bibbia; e la coloratissima e mai prima esposta serie di Litographie I, dove si ripercorre l’evoluzione della poetica di Chagall attraverso i temi più cari all’artista. Di Missoni sono esposti gli studi cromatici e compositivi realizzati a partire dai primi anni 70, i quadri tessili e i suoi celebri Arazzi patchwork di tessuti a maglia tra i quali il più grande da lui creato.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook