IL CASO

Mare vietato sul litorale di Noto,ordinanza per Tellaro e Cittadella

di

NOTO. Il mare di Noto non è del tutto balneabile. Proprio come è successo più di venti anni fa. E così il primo tuffo, quello che il lunedì di Pasqua per i più tenaci tradizionalmente apre la stagione balneare, almeno in alcuni tratti di costa, dovrà essere rimandato.

I cartelli metallici, che vietano la balneazione permanente di alcune porzioni di mare e di costa, hanno già fatto la loro comparsa a seguito del recente decreto assessoriale che annuncia disposizioni relative alla stagione balneare che prenderà il via tra pochi giorni. In buona sostanza si punta, e con decisione, sulla qualità delle acque di balneazione specie in prossimità delle foci dei due fiumi della zona, l’Asinaro e il Tellaro. Da palazzo Ducezio, sede del Comune, a firma del sindaco Corrado Bonfanti è partita immediatamente l’ordinanza che, così come per il recente passato, continua a vietare in modo permanente la balneazione in diversi, seppure ristretti, spazi di mare.

GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X