IL CASO

Siracusa, anfiteatro romano sommerso dalle erbacce

anfiteatro romano, Siracusa, Cronaca
Anfiteatro romano a Siracusa

SIRACUSA. Dell’anfiteatro riportato alla luce nel 1839, tra le realizzazioni edilizie più rappresentative della prima età imperiale romana all’interno del parco archeologico della Neapolis a Siracusa, al momento si può ammirare ben poco: il sito, tra i più importanti in Sicilia anche per numero di presenze, si presenta agli occhi di turisti e visitatori sommerso dalle erbacce dalle quali a malapena si riescono a intravedere il sistema di scale scavato nella roccia e l’arena col suo ampio vano rettangolare.

«La stagione è appena cominciata, gli operai stanno iniziando a ripulire il sito», dicono alcuni lavoratori. Al lavoro, ieri, c'era un solo operaio che con un tagliaerba, a un centinaio di metri dall’anfiteatro ripuliva l’area.

Nel teatro greco, poco distante dall’anfiteatro, al contrario le squadre di operai sono al lavoro per sistemare le coperture in legno degli antichi e preziosi resti, in vista dell’inizio della stagione di rappresentazioni classiche organizzate dall’Inda.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X