COMUNE

Baratto amministrativo a Siracusa, la Tari si paga col lavoro

di

SIRACUSA. Il baratto amministrativo adesso è realtà. Da giovedì sera chi dovesse avere difficoltà a pagare la Tassa sui rifiuti potrà mettersi in regola effettuando dei lavori di pubblica utilità per l’amministrazione comunale.

A dare il via libera al provvedimento voluto dalla giunta e dall’assessore al Bilancio Gianluca Scrofani è stato il consiglio comunale.

Il baratto amministrativo è un sistema previsto con il decreto Sblocca Italia e proposto in città, per la prima volta nel luglio del 2015, da Salvatore Russo oggi portavoce del movimento Alternativa libera.

Secondo quanto previsto dal provvedimento, potranno chiedere di accedere al sistema del baratto i cittadini residenti in città che non abbiano condanne penali e con un reddito familiare Isee non superiore a 7.385 euro. Possono fare istanza anche le associazioni con componenti con un reddito che complessivamente non superi i 7.385 euro. Le istanze andranno presentate all’ufficio Tributi di via De Caprio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook