BENI CULTURALI

Vandali nel barocco, imbrattata la scala del Santissimo Salvatore a Noto

di

NOTO. I gioielli barocchi in mano a quattro balordi e, stando anche ai messaggi subliminali lasciati, pure un po’ «ignoranti» della lingua italiana, s'intende. L'ultimo attacco vandalico si è registrato contro la breve scalea che conduce sul sagrato del Santissimo Salvatore, la scenografica e ammirata Basilica annessa all'ex monastero delle Benedettine per monache di clausura, oggi cappella del vicino seminario vescovile, a Noto.

Armato di bomboletta spray di colore nero, un ignoto innamorato a modo suo ha voluto mandare un messaggio pubblico all'amata, forse ex, nel tentativo di convincerla a tornare insieme. «Metti l'orgoglio da parte e corri a prendermi».

Poi il classico cuoricino concluso con l'inevitabile locuzione «Ti amo». Qua e là qualche accento in più.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X