COMUNE

Noto, lavori «bloccati» a Piano Alto: proteste e petizioni

di

NOTO. Lavori di riqualificazione a rilento. Anzi, bloccati. Così alcuni titolari di attività, a Noto, a causa dei disagi, hanno abbassato le saracinesche.

I problemi ci sono, e con essi le mille e passa carenze per quanti vivono nella parte alta della città, lungo le strade che nella primavera dello scorso anno sono state trasformate in piccoli cantieri aperti per la riqualificazione di piazza Mazzini, dove sorge il Santissimo Crocifisso - la più grande chiesa di Noto Alta – e le confinanti vie.

Tra proteste, petizioni, interrogazioni e forti prese di posizione, anche per via della contestata scelta della pavimentazione, a distanza di nove mesi dagli “avviati” lavori, qualcosa si muove.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X