IL CASO

Camera di commercio Sud Est, salta l'accorpamento: dubbi anche dal ministro

camera di commercio sud est, Carlo Calenda, Siracusa, Politica
Carlo Calenda

SIRACUSA. Salta, almeno per il momento, la creazione della super Camera di commercio del sud est, che doveva nascere dall'accorpamento degli enti camerali di Siracusa, Ragusa e Catania. Il ministro per lo sviluppo economico, Carlo Calenda, ha condiviso le perplessità del presidente della Regione, Rosario Crocetta, di non procedere all'accorpamento decidendo di portare in Conferenza Stato Regioni la nuova proposta, che prevede l'autonomia delle Camere di Commercio.

"Con questa soluzione andiamo incontro alle esigenze dei territori e rispondiamo alle tante richieste che sono arrivate dalle istituzioni locali - ha commentato Crocetta -. Sono sempre stato contrario all'accorpamento e finalmente c'è lo stop a una procedura non condivisa, anche in presenza delle nuove vicende giudiziarie, che ipotizzano irregolarità e che vedono indagato il segretario della Camera di Commercio, Alfio Pagliaro, sui dubbi rispetto al reale numero degli iscritti delle varie categorie.

Revocherò immediatamente il decreto di accorpamento e - continua Crocetta - collaboreremo col ministro per avviare le nuove procedure". Era stato l'assessore regionale Mariella Lo Bello, dopo il decreto di composizione, ha convocare la riunione per l'insediamento del consiglio camerale. Prima giorno 14, poi un breve rinvio a giorno 28. La procedura dell'accorpamento ha scatenato una battaglia legale, in campo amministrativo e penale. Ci sono due ricorsi al Tar e nel frattempo l'inchiesta della Procura di Catania che vede, tra gli altri indagati, il commissario Pagliaro. Parallelamente la magistratura etnea indaga anche su alcuni presunti falsi sui bilanci di aziende della camera di commercio catanese.

"Dubitiamo che il governatore Crocetta possa revocare alcunché e attendiamo l'esito della conferenza Stato-Regione che, a questo punto, diventa urgente convocare e riunire". Lo afferma in una nota Confcommercio Catania sulla decisione del ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda di non procedere all'accorpamento degli enti camerali di Siracusa, Ragusa e Catania, decidendo di portare in Conferenza Stato Regioni la nuova proposta che prevede l'autonomia delle Camere di Commercio.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X