CONFINDUSTRIA

Rete elettrica, linea Paternò-Priolo bloccata: appello degli imprenditori alla Regione

di

SIRACUSA. Forniture elettriche insufficienti, instabili. E costose. Una palla al piede per gli imprenditori etnei e siracusani, ma non solo, penalizzati sui mercati rispetto ai colleghi di molte altre regioni.

Ieri, Confindustria Catania e alcune grandi imprese etnee – come StM – hanno indirizzato una lettera aperta al presidente della Regione, Rosario Crocetta. Denunciano, in particolare, “che da cinque anni le procedure di autorizzazione della linea di trasmissione Paternò-Priolo,  prevista nel piano nazionale di sviluppo della rete elettrica gestita da Terna, risultano bloccate a causa dei lunghissimi tempi necessari a definire la compatibilità dell’infrastruttura con i vincoli imposti dai piani paesaggistici provinciali”.

Destinatari della nota pure gli assessori regionali ai Beni culturali, all'Energia, al Territorio e all'Economia. 

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X