IL CASO

Siracusa, esposto per danni ai Pantani Gelsari e Lentini

LENTINI. Un esposto per i danni causati dal  Consorzio di bonifica di Siracusa ai Pantani Gelsari e Lentini.  Lo presenterà lunedì alle Procure di Siracusa e Catania  Legambiente che chiede il sequestro cautelare degli impianti  idrovori, causa del danno ambientale, anche per garantire la  possibilità concreta del recupero e del ripristino dello stato  dei luoghi.

I due pantani costieri Gelsari e Lentini, che si trovano ai  margini sud orientali della Piana di Catania, costituiscono  quanto di più importante e vasto è sopravvissuto del sistema di  zone umide di acqua dolce e salmastra. L'esposto è stato  illustrato da Gianfranco Zanna, presidente regionale di  Legambiente Sicilia; Paolo Tuttoilmondo, del circolo Legambiente  di Siracusa e il naturalista Roberto De Pietro.

I pantani  Gelsari e Lentini sono di inestimabile valore per la presenza di  habitat e di specie faunistiche di interesse comunitario, la  vastità di ambienti naturali ormai divenuti rari nel  Mediterraneo, per il numero di specie e di esemplari richiamati,  in molti casi anche rari o a rischio di estinzione. Il consorzio  di Bonifica di Siracusa, l'Ente che gestisce gli impianti  idrovori, ha interrotto nel 2009 l'utilizzo degli impianti,  salvo poi riprendere i prelievi di acqua nel 2013 «in violazione  delle norme di protezione derivanti dalla presenza della Zona di  protezione speciale e dal vincolo biennale(scaduto nel luglio  2016), determinando la distruzione degli ambienti che si erano  ricostituiti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook