L'ARCIVESCOVO

Siracusa, Pappalardo: «Servono più atti di solidarietà»

di
Siracusa, Cronaca
Il vicario monsignor Sebastiano Amenta con l’arcivescovo di Siracusa, Salvatore Pappalardo

SIRACUSA. Ha voluto richiamare i cittadini a “riscoprire l'orgoglio di essere siracusani” e ricordato agli amministratori che “hanno precise responsabilità” nella gestione del territorio. Poi ha tenuto una riflessione sulla violenza che “riguarda tutti noi soprattutto quando ci troviamo davanti a episodi come un anziano ucciso in quel modo”.

Alla vigilia del Natale, l'arcivescovo di Siracusa Salvatore Pappalardo, come avvenuto nel giorno di Santa Lucia, ha guardato da vicino a quanto accade in città e sta accadendo in città negli ultimi mesi, sia dal punto di vista sociale che politico.

«Con le parole pronunciate per la festa della Patrona – ha dichiarato Pappalardo – ho voluto suscitare nell'animo di ogni siracusano l'orgoglio di essere cittadino di questa città. Ho voluto spronare tutti i cittadini a chiedere cosa ciascuno di noi fa per Siracusa. Nella mia intenzione c'era la volontà di responsabilizzare ogni cittadino perché è chiaro che Siracusa non può certo essere collocata in fondo alla classifica sulla qualità della vita in Italia».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati