POLIZIA

Prostituzione e riti voodo, nigeriano arrestato: sequestrati documenti a Milano

Siracusa, Cronaca

SIRACUSA. Doveva pagare un debito di 25 mila euro, la nigeriana di 23 anni che stava per essere indotta alla prostituzione da un gruppo di connazionali. È quanto emerge dall'indagine della Dda di Catania che ha portato ieri al fermo di un nigeriano di 37 anni a Milano, Victor Osayande.  Gli investigatori della polizia nel corso della perquisizione in casa hanno trovato ad Osayande numerosi apparecchi cellulari, diverse carte di credito prepagate, documenti relativi ad altri cittadini nigeriani.

L'attività è stata avviata dopo la denuncia della giovane, giunta al porto di Augusta a metà novembre in seguito al  soccorso di un natante nel canale di Sicilia. La nigeriana aveva conosciuto nel suo Paese Osayande e costretta da condizioni di estrema povertà aveva accettato il suo invito a raggiungere l'Europa, anche per ripagare il debito di circa 25 mila euro. La ragazza, dopo essere stata sottoposta a riti voodoo per vincolarla all'ubbidienza, aveva iniziato il viaggio dalla Nigeria alla Libia, costretta a permanere presso «connection houses» sorvegliata da persone armate sino alla partenza via mare verso le coste siciliane.

Arrivata in Sicilia era stata contattata nella struttura di accoglienza dove era stata trasferita: Osayande aveva dato incarico ad un connazionale di «prelevarla», ospitarla e condurla a Milano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati