OPERAZIONE BORGATA

Pizzo a Siracusa, il clan e le lettere intimidatorie ai commercianti

di

SIRACUSA. Sono state le intercettazioni dei colloqui in carcere tra Giuseppe Curcio, leader storico del gruppo della Borgata, e la moglie, a consentire agli agenti della Squadra mobile di Siracusa di svelare l'assetto dell'organizzazione mafiosa che faceva delle estorsioni ai commercianti del quartiere Santa Lucia la fonte principale di sostentamento.

Gli inquirenti avrebbero saputo che Curcio, poi pentitosi nel febbraio del 2010, guidava il clan dalla sua cella e gli ordini arrivavano, tramite i pizzini, ai suoi picciotti.

Nove di loro, tra cui Danilo Greco, 30 anni, Vincenzo Scalzo, 31 anni, Massimo Schiavone, 42 anni, Massimiliano Fazio, 32 anni, Attilio Scattamagna, 32 anni, Sal vatore Tartaglia, 29 anni, Massimo Guarino, 31 anni, Sebastiano Barbiera, 50 anni, Rita Attardo, 50 anni, sono stati tratto in arresto nei giorni scorsi al termine dell'operazione Borgata, coordinata dai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Catania.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X