IL CASO

Siracusa, l'antiracket: nessuna denuncia

di

SIRACUSA. «Nel 2016 non abbiamo ricevuto denunce da parte di imprenditori e commercianti siracusani vittime del pizzo». Un dato impietoso quello fornito dal coordinatore provinciale delle associazioni anti racket di Siracusa, Paolo Caligiore, uno dei primi, circa 30 anni fa, a raccogliere l' invito di Tano Grasso a ribellarsi ai signori del pizzo.

E questi numeri danno sostanzialmente ragione all'analisi del procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro che, nelle ore successive all'arresto di 17 componenti del clan Mazzei di Catania, aveva svelato che ci sono difficoltà nella lettura della penetrazione del racket nell' economia siracusana a causa della penuria di denunce. Un fatto, comunque, abbastanza noto, segnalato più volte in passato dai vertici delle forze dell' ordine mentre le cose vanno un po' meglio in provincia.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X