IL RICONOSCIMENTO

Il datterino di Pachino ottiene il marchio Igp

di

PACHINO. Il pomodoro datterino diventa Igp Pachino. Un risultato importante per il comparto agricolo del sudest siciliano, considerato quasi storico, che comporterà un aumento di 4 milioni di chili l' anno di prodotto sugli attuali 7 certificati.

Ma guai a cantare vittoria: «La situazione del comparto - ammonisce Sebastiano Fortunato, presidente del consorzio di tutela "Igp pomodoro di Pachino - resta drammatica». Oggi l' Unione europea ha deciso di riconoscere all' agricoltura siciliana la possibilità di ampliare il disciplinare del pomodoro di Pachino Igp: dopo il ciliegi no, il tondo liscio e il costoluto potrà fregiarsi del marchio di tutela anche plum e miniplum, ovvero le categorie degli "allungati" di cui fa parte il figlio più famoso, appunto il datterino.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X